Il Giornalino - Sezione Blog
  • Articoli/Categoria/Blog

2018-08-06 22:52:09
La strada
Se vivi la strada, vivi la Vita!

Strada, polvere, sassi, sudore, e non si arriva mai.
Realtà dura, che ti stanca e ti fa male ai piedi.
Non è un’amica pronta ad accontentarti.
Non ti dà la fontana appena hai sete.
Non ti lascia sedere tutte le volte che sei stanco, perché è lunga e non arriveresti mai.
Non è un’amica troppo premurosa.
Non ti dà l’ombra tutte le volte che il sole brucia, ne un riparto tutte le volte che piove.
La strada è forte e solo se sarai forte ti darà la sua amicizia.


Per trovarla devi uscire dalla tua casa sotto il cielo.
Devi lasciare molte cose e portare con te solo quello che puoi portare sulle spalle.
Devi lasciare la poltrona comoda e l’orso di pezza a cui sei ancora affezionato e tante altre piccole o grandi cose che sono tue, a cui sei legato. Non puoi portarle, sono troppo pesanti.
Per trovarla devi uscire dalla tua casa.
Devi accettare la fatica e andare.
Il primo pezzo è sempre il più duro.
Lo zaino sembra troppo pesante e ti pare impossibile raggiungere la meta, così lontana.

Vorresti ribellarti, piantar li tutto e tornare a casa, ma quando il sole tramonta dietro agli ulivi, l’acqua fresca della fontana finalmente raggiunta ha un sapore di gioia!
È il primo dono della strada a cui non sai ancora dare un nome, ma sei così leggero dopo la fatica ti sembra così bello il prato dove hai piantato la tenda e hai voglia di sorridere.
Sei uscito dalla tua casa sotto il cielo.
Cammini, ed impari ad accettare la fatica; impari a lasciarti condurre dalla strada, senza pensare continuamente alla prossima sosta o a quando finirà la salita.


Non ti lasci più tentare da tutti i cespugli di more, accetti dentro di te di essere sudato e di essere un po’ stanco, e non vorresti più tornare a casa perché ormai hai conosciuto la strada la sua forza e la sua gentilezza.
Hai goduto la strada la linea pura delle montagne, il colore dell’erba, il cielo ed il vento.
La strada è bella.
E non ti stupiscono più gli occhi così chiari di quel vecchio pastore che hai incontrato un giorno.
La strada è il luogo dell’incontro.
In casa tua gli altri erano ospiti, suonavano il campanello prima di entrare e si offriva loro del te’ coi pasticcini.
Sulla strada sono viandanti come te, e dividi con loro il pane e l’acqua della borraccia e la cassetta della frutta da portare.
E ti accorgi come il rapporto con gli altri è diverso, molto più semplice e vero.

Luogo dell’incontro, incontro con quelli che camminano con te e incontro con quelli che hanno la loro casa lungo la strada, una casa di pietra con la porta sempre aperta.
Ogni giorno lo stupore nuovo dell’accoglienza, non ti chiedono niente; ti offrono la loro legna, il loro fuoco, il loro tavolo e insistono semplicemente perché tu accetti.
Strada, realtà concreta di durezza, di bellezza, di incontro.
Realtà concreta da amare per tutta la vita.
Questo è il simbolismo della strada; non è un discorso astratto e difficile. È semplicemente la meraviglia della creazione che ripete nelle cose la meraviglia dello spirito in un’unica armonia.
La strada è forte la vita è forte non puoi cedere alla prima difficoltà, non puoi tenerti al riparo.

Poche cose puoi portare sulle spalle se vuoi andare lontano. Povertà della strada, povertà della vita, se sei ricco, se hai delle cose e ci tieni, il tuo cuore è legato e non può donare.
Gioia della strada, gioia della vita.
Gioia che nasce sempre da una conquista, da un cammino fatto, dall’essere andato avanti.
Gioia che nasce solo quando hai superato la tentazione di piantare li tutto e sederti a riposare.

Amicizia sulla strada, amicizia nella vita.
Amicizia che nasce quando smetti di considerare l’altro come un ospite di riguardo, e gli chiedi di portare la cassetta assieme a te.
Amicizia che nasce quando la porta è aperta, e tu sai dare tutto quello di cui l’altro ha bisogno, prima di fargli qualsiasi domanda.
Strada realtà concreta, vita realtà concreta.

Pianta ogni giorno dentro nella tua vita questa ricerca di povertà, impara a donare almeno una cosa al giorno, impara a dire almeno un “no” al giorno.
Pianta ogni giorno dentro la tua vita questa ricerca di gioia. Uno sforzo ogni giorno non rimandare nulla al domani.
Pianta ogni giorno dentro nella tua vita questa ricerca di amicizia, ogni giorno un sorriso quando non ne avresti voglia e uno sguardo di amicizia ad ogni persona, uno sguardo che non coglie difetti, ma ciò che in ogni persone c’è di apprezzabile; uno sguardo di amicizia ad ogni persona.
Lottando contro la tentazione di sentirsi superiori; ogni giorno una cosa imparata dagli altri.

Così vive la strada, così vive la vita.

Anomino
La strada - Maestro dei Giochi