Il Giornalino - Sezione Storia
  • Articoli/Categoria/Storia

2017-11-20 17:32:54
Come nacquero le Guide
"E voi chi siete?" chiese il Capo Scout. E la risposta fu: "Siamo le Girl Scouts" !!

Nel 1909, circa due anni dopo il campo nell'isola di Brownsea, il Generale Baden-Powell organizzò un incontro di scouts ed una conferenza di capi, da tenersi al Crystal Palace, nella periferia sud orientale di Londra.
Questo immenso edificio di cristallo, che nel frattempo è stato distrutto da un incendio, era stato costruito per la grande Esposizione del 1851.
Successivamente esso venne smontato e rimontato a Norwood come spazio espositivo permanente.
Qui si tenevano vari tipi di incontri, esibizioni, mostre, ed anche spettacoli pirotecnici; era un'ottima scelta per un raduno scout.
Il Generale Baden-Powell andò al Crystal Palace senza avere idea di quanti ragazzi vi avrebbe trovato.
Con sua grande sorpresa, scoprì che ne erano arrivati oltre 11.000.
Ma ciò che lo sorprese ancor di più fu l'incontrare tra gli scouts anche un gruppetto di ragazze, con cappellone e bastone, che aspettavano di essere passate in rassegna con i ragazzi.
Sentiamo dalle stesse parole di una di queste intrepide ragazze come andarono le cose:


"Il mio fratello maggiore era giornalista ed un giorno gli fu consegnato un libro dal titolo "Scouting for boys" da recensire.
Con un'amica decidemmo che in un modo o nell'altro saremmo diventate scouts anche noi. Questo fu a dire il vero più facile del previsto, anche se i mezzi impiegati per lo scopo non furono proprio limpidi...
Ci registrammo semplicemente al Quartier Generale scout usando le sole iniziali dei nostri nomi invece che scriverli per esteso, e un'amica di mia mamma accettò di farci da Madrina, anche se solo nominalmente, con la promessa che non sarebbe stata coinvolta..
Per tre mesi la squadriglia Conigli, composta di due persone, fece scautismo.
Costruimmo ripari di fortuna, seguimmo le tracce degli animali, realizzammo ponti, abbattemmo alberi, cuocemmo i nostri cibi con grande soddisfazione, pensando ormai di saper fare tutto.
Scegliemmo il Coniglio come animale di squadriglia, perché in zona ce n'erano parecchi ed erano facili da osservare.
Ma poi cambiammo in Volpi, perché il coniglio è un animale molto silenzioso, anche quando è in pericolo, e noi invece quando andavamo in giro eravamo rumorose come i cani randagi!
Nella primavera del 1909 pensammo che anche altre ragazze potevano essere interessate a giocare questo nostro nuovo gioco, e così - poiché le nostre case sorgevano proprio a metà strada tra due villaggi - andammo a parlare con i presidi delle due scuole e pubblicizzammo la cosa, dando come luogo di ritrovo proprio casa nostra, il sabato pomeriggio successivo.
Non dimenticherò mai quel sabato.
Sarebbe arrivato qualcuno, oppure le due miglia e mezza di distanza dai due paesi sarebbero state un deterrente?
E poi... le tortine che avevamo pensato di cuocere, sarebbero state mangiabili?
E… il tempo sarebbe stato bello?
Ma poi tra le linee di siepi cominciammo a vedere arrivare un piccolo gruppo di ragazze da ogni parte, quattro per gruppo, due squadriglie.
Anche se poi il nostro numero arrivò quasi a venti, mantenemmo sempre due sole squadriglie.
Il primo giorno fu un successo, e nei mesi successivi il Riparto crebbe in forza ed efficienza. [...]
Verso la fine dell'estate, sulla rivista The Scout leggemmo la notizia che il Capo Scout avrebbe passato in rassegna gli scouts al Crystal Palace quel settembre.
Non serve dire che io e la mia amica avremmo fatto carte false per parteciparvi, ma la nostra Madrina confermò che non voleva avere alcun ruolo nella vicenda.
Alla fine accettò però di portarci almeno in città per la notte e poi di farci accompagnare in auto all'incontro.
Non vestivamo naturalmente alcuna uniforme ufficiale, ma il nostro Riparto vestiva comunque la camicia scout, una gonna kaki cucita da noi stesse e fazzolettone verde al collo, le punte del quale erano annodate tra loro per ricordarci l'impegno della buona azione!
Era un giorno freddo e umido e il primo incontro non fu incoraggiante, perché invece di un "benvenute" la guardia all’ingresso ci ricacciò indietro con un "tornatevene a casa, voi non potete entrare!".
Rimanemmo un po' esitanti sul da farsi, quand'ecco che un riparto di ragazzi arrivò con a seguito alcune ragazze:
fu un attimo mischiarci a loro e finalmente ritrovarci dentro.
Non credo si accorsero mai delle due intruse, né io saprei dire a quale riparto ci attaccammo così di soppiatto, ma tutto andò comunque per il meglio."

"E voi chi siete?" chiese il Capo Scout.
E la risposta fu: "Siamo le Girl Scouts".
A quel punto il Capo era in difficoltà:

non voleva in nessun modo smorzare l'entusiasmo di quelle ragazze che sembravano così determinate a fare le stesse cose riservate ai loro fratelli maschi, e sapeva al contempo che c'era molto nella Legge e nella Promessa e negli ideali del Movimento che avrebbe potuto essere utile sia per i ragazzi che per le ragazze.
Era però un po' preoccupato di ciò che avrebbero potuto dire i genitori, e inoltre pensò che avere delle ragazze vestite come i maschi avrebbe fatto apparire l'intero Movimento piuttosto ridicolo, e questo non sarebbe stato un bene.
Così egli si rivolse alla sua migliore amica, sua sorella, e le chiese di pensare ad un Movimento parallelo per le ragazze che non avrebbero così scioccato i loro genitori e non avrebbero fatto apparire il movimento maschile un "gioco da bambini". […]

Eileen K. Cade, "The World Chief Guide - The Story of Lady Baden-Powell", Hutchinson of London, 1957
Come nacquero le Guide - Maestro dei Giochi